giovedì 14 marzo 2013

Siete pronte al 'cambio di stagione'?

Anche se, meteorologicamente parlando, della primavera non si vede neanche l'ombra, incombe, tuttavia, su molte di noi l'incubo del cosiddetto cambio di stagione, ossia la rotazione stagionale negli armadi allorquando le condizioni climatiche cominciano a cambiare sensibilmente.
In effetti, ad avvilirci è soprattutto l'idea della presunta mole di lavoro: abbiamo la percezione di dover affrontare un'impresa titanica, ma, di fatto, basta qualche piccolo accorgimento per semplificare questa temuta operazione e per renderla quasi una passeggiata!
Procediamo con ordine.
Il cambio di stagione ci permette, innanzitutto, di dare una bella ripulita al nostro guardaroba, nel senso che è l'occasione buona per eliminare tutto ciò che non indossiamo. Se riusciremo ad essere obiettive in questa prima cernita, vi assicuro che il lavoro sarà già dimezzato!
A questo punto, occorre controllare uno ad uno i capi che abbiamo salvato dall'esecuzione capitale. In particolare, verificheremo che le tasche siano svuotate di tutto: una carta di caramelle o un fazzoletto dimenticati stuzzicherebbero la voracità delle tarme. Spazzoleremo l'interno dei risvolti dei pantaloni, dove più facilmente può annidarsi la polvere e daremo una spazzolata anche a giacche e gonne prima di riporle nella parte alta dell'armadio. L'ideale sarebbe proteggere le giacche con le apposite "mantelline di nylon", in vendita nei negozi di casalinghi o nei supermercati, non prima di aver posto nelle tasche dei sacchettini contenenti  foglie e fiori essiccati di alloro e lavanda, ottimo rimedio naturale contro le tarme.
Vi consiglio, invece, di lavare tutto ciò che non necessita di trattamenti speciali in lavanderia: basterà ricorrere agli usuali programmi di lavaggio della nostra lavatrice e poi riporre gli indumenti puliti e ben asciutti nelle apposite buste sottovuoto, con il duplice vantaggio di recuperare spazio e di mantenere igienicamente isolati i nostri vestiti fino al prossimo utilizzo.
Il cambio di stagione è anche il momento ideale per dare un'occhiata ad orli, asole e bottoni, intervenendo ove necessario, di modo da avere i nostri capi belli e pronti quando andremo a riutilizzarli.
Infine, non trascurerei l'aspetto più importante di questa operazione che ci impegna almeno due volte all'anno, ossia l'aspetto simbolico. Sì, signore, proprio così! Se avete voglia di cambiare stile, se volete portare una ventata di freschezza nella vostra vita, perché non cominciare proprio dall'armadio? Alleggeriamo il nostro guardaroba dagli abiti che non ci fanno più sentire in sintonia con le nostre sensazioni ed usiamo il cambio di stagione per lasciar emergere nuovi aspetti di noi stesse.
A questo punto, rimane da collocare solo un ultimo tassello, ovvero i capi eliminati: che fine faranno? Un'idea simpatica potrebbe essere il cosiddetto swap party, ossia la 'festa del baratto', cui potremo invitare amiche, sorelle, zie, nipotine, e lì divertirci a scambiare abiti ed accessori che ciascuna di noi non utilizza più, modificandoli e provandoli davanti ad una buona tazza di tè.
E se ci sono rimasti ancora molti indumenti, perché non utilizzare un mercatino? In tempo di crisi, il cambio di stagione potrebbe persino rivelarsi una strategia.





2 commenti:

  1. lo swap party mi alletta....hehehehehe

    RispondiElimina
  2. Organizziamone uno a metà strada, che ne dici? Baci baci.

    RispondiElimina